Caduta dei capelli, quali rimedi naturali adottare

La caduta dei capelli può dipendere da tantissimi fattori e può colpire indistintamente sia gli uomini che le donne. E’ chiaro che non stiamo parlando della caduta dei capelli fisiologica, anche perché in quel caso è il corso normale della natura, con il capello che nasce, cresce, cade e si rinnova. Un ciclo che ha i suoi tempi, quindi, e che non deve destare grande preoccupazione. Quello che invece deve preoccupare è sicuramente la caduta legata ad una patologia, anche se in questi casi ci sono diversi caduta capelli rimedi naturali da poter applicare per salvare la vostra chioma.


La caduta capelli: le cause

Diverse sono le cause che possono portare alla caduta dei capelli. Sicuramente uno dei fattori preponderanti è lo stress. Situazioni particolari, che mettono a dura prova la nostra mente e il nostro corpo, incidono negativamente anche sui capelli. Anche un’alimentazione scorretta, priva di nutrimenti necessari per il nostro organismo, può contribuire alla caduta dei capelli. Anche il fattore ereditario spesso è determinate, perché presuppone una predisposizione alla calvizie. Un altro aspetto da non sottovalutare è quello ormonale. Spesso una disfunzione ormonale provoca la caduta dei capelli, come anche altre problematiche legata a dermatiti oppure all’eccesso di sebo del cuoio capelluto.

La caduta dei capelli: i rimedi naturali

La caduta dei capelli può esser arrestata? Tutto dipende dalla causa ovviamente che ha portato a questa caduta. Se come visto in precedenza si tratta di una causa fisiologica, allora ci sarà una ricrescita, ma se invece è dovuta ad una patologia allora bisogna capire la causa e andare ad intervenire in maniera specifica. In ogni caso i capelli vanno comunque curati, con prodotti specifici, che possano evitare che si formi la forfora, o che il cuoio capelluto produca troppo sebo, quindi con la conseguenza di capelli troppo grassi, o ancora che i capelli diventino troppo secchi. Ci sono diversi rimedi naturali che si possono applicare a seconda del problema che bisogna combattere. Per esempio, una donna che si tinge i capelli con una certa frequenza, andando inevitabilmente a sfibrare il capello e quindi ad indebolirlo accelerandone la caduta, potrebbe optare per una tinta all’hennè che pur dando lo stesso effetto, preserva il capello. Attenzione anche agli shampoo che troviamo in commercio. La maggior parte, infatti, contiene al suo interno siliconi e petroli vari. Meglio, quindi, scegliere quelli naturali senza prodotti chimici all’interno. Gli infusi sono ottimi per aiutare i capelli a mantenere la loro salute, risultando brillanti e forti. L’infuso di ortica è ottimo per chi presenta capelli grassi. Particolarmente indicati sono anche quelli di menta, salvia, rosmarino, tè verde. Ottimo anche il succo di aloe o l’infuso di zenzero. Anche le maschere per i capelli sono ottime, per ridare brillantezza e forza. Tante sono le possibilità a disposizione e tanti gli ingredienti naturali da poter utilizzare, che consentono di avere grandi benefici. Il tuorlo d’uovo, o la polpa di avocado, che si può frullare e applicare sui capelli umidi, mezz’ora prima di fare lo shampoo. L’olio di cocco è un toccasana per i capelli, così come quello di borragine o di mandorle dolci. Benefici si possono avere anche dall’olio d’oliva e dall’olio di germe di grano che però vanno usati con moderazione in caso di capelli grassi. Un ottimo impacco rinforzante si ottiene anche dai semi di lino. Bisogna bollirli e lasciati a bagno nell’acqua, che poi una volta raffreddata sarà applicata sui capelli. Un altro impacco che consente di rinforzare i capelli è quello fatto con lievito di birra e miele. Mescolate bene 3 cucchiai di lievito di birra in polvere con 5 cucchiai di miele fino a formare un impasto omogeneo.Applicate, poi, questa maschera su tutta la lunghezza dei capelli e sul cuoio capelluto, lasciate agire per 15-20 minuti. Dopo risciacquate bene i capelli con abbondante acqua tiepida. In alternativa al miele si può usare anche l’olio extravergine di oliva.

Caduta dei capelli: anche l’alimentazione può influire

Quando si presenta una caduta dei capelli anomala, allora è importante chiedersi anche se si sta tenendo un’alimentazione corretta. Spesso la carenza di alcuni alimenti porta all’indebolimento del capello e quindi alla conseguente caduta. Il capello, infatti, è formato da cheratina, che è composta da due amminoacidi essenziali, la cistina e la lisina. Un’adeguata quantità di proteine nell’alimentazione quotidiana, consente di poter assumere il giusto apporto di questi nutrienti, utili per la salute dei nostri capelli. Alternate possibilmente carne, pesce, uova e formaggio. Utilizzate anche le proteine vegetali quali: fagioli, ceci, piselli, soia, lenticchie. I cibi che non dovrebbero mai mancare nell’alimentazione di qualsiasi individuo ci sono:

  • Soia: ricchissima di proteine (37 g per 100 g) ma anche di minerali come potassio, magnesio, fosforo e calcio
  • Fagioli borlotti, ricchi di potassio, ferro e fosforo;
  • Riso integrale
  • Farro, con vitamine del gruppo B e D
  • Pesce azzurro (acciughe, aguglie, sarde e sgombri) e salmone, ricchi di omega 3
  • Carote, zucca e vegetali di colore arancio o a foglia verde scuro: apportano betacarotene che l’organismo trasforma in vitamina A indispensabile per salute di pelle e capelli.
  • Altri alimenti utili per la salute dei nostri capelli sono i broccoli, il fegato, i funghi, le arachidi, le patate, i pomodori, i frutti di mare, le uova, l’avena, i cereali integrali, gli agrumi, le mandorle, le noci, gli spinaci, la bieta, la cicoria.

Rimedi naturali per la caduta dei capelli: lo shampoo

Tra i vari rimedi naturali per la caduta dei capelli, oltre quelli elencati in precedenza c’è la possibilità anche di poter ricorrere anche ad uno shampoo delicato e naturale che consenta di poter lavare i nostri capelli senza creare nessun problema, anzi favorendo l’equilibrio del cuoio capelluto e quindi il benessere del capello. Il 98% degli shampoo da banco contiene DEA/MEA e/o derivati del Lauril solfato di sodio o di alluminio (SLS). Si tratta di prodotti che eliminano il grasso da ogni superficie, e quindi anche dal cuoio capelluto, mettendo in serio pericolo i vostri capelli. Questi prodotti, poi, causano irritazioni nei follicoli piliferi, che possono durare anche una settimana. Dunque, quando si acquista uno shampoo, la prima cosa da fare è guardare gli ingredienti. E’ possibile trovare in commercio prodotti naturali, che non alternano il cuoio capelluto e i follicoli piliferi. Sul sito http://www.fitoplus.com avrete la possibilità di scegliere tra tantissimi shampoo tutti naturali, ognuno con proprietà specifiche adatte al vostro tipo di capello. Ogni prodotto può andare incontro alle vostre esigenze come per esempio:

  • DHT Inhibiting Bio-Therapy Shampoo: l’unico shampoo che presenta al suo interno ben 11 inibitori DHT.
  • Oily Hair Shampoo (sebo): adatto a coloro che presentano una cute con sebo
  • Itchy Scalp Shampoo (prurito): ridona sollievo al cuoio capelluto e riduce il senso di prurito.
  • Hair Loss Shampoo: contro la caduta dei capelli con oltre 20 ingredienti naturali.
  • Dry Hair Shampoo (secchi): idratante senza solfati a protezione del colore, indicato per capelli secchi.
  • Dandruff Shampoo (forfora): elimina la forfora senza irritare la pelle e i follicoli.
  • Normal Hair Shampoo: indicato per capelli normali. Per uso quotidiano perché delicato e naturale al 100%.
  • Color Care Natural Shampoo: preserva il colore dei capelli più a lungo.
  • Vinegar Nutritive Rinse Cleanser: pulisce, nutre e deterge il cuoio capelluto.